Norwegian National Opera & Ballett (Opera e Balletto Nazionale di Norvegia)
Località: Oslo, Norvegia

Architettura: Snøhetta, Oslo
Progettazione dell'impianto elettrico: Bravida Norge AS, Oslo

Lo studio di architettura Snøhetta si è ispirato ad un iceberg per l'Opera di Oslo. Ubicata direttamente nel porto, l'Opera sembra fuoriuscire direttamente dalle chiare e fredde acque dell'Oslofjord. La materialità squisitamente sfumata sottolinea l'estetica e l'eccentricità del complesso culturale.
Una particolarità dell'edificio è il tetto calpestabile con una superficie di quasi 40.000 m2. Il luogo dell'alta cultura diventa quindi uno spazio pubblico utilizzabile dai passanti – un approccio assolutamente democratico.
Un'imponente rampa realizzata con marmo di Carrara e più volte interrotta s'innalza fino alla struttura dell'edificio, che nonostante la sua gigantesca presenza appare delicata e sospesa. A creare questo effetto contribuisce fra l'altro la speciale materialità: gli architetti hanno fatto rivestire la torre del palcoscenico interamente in alluminio. Il materiale strutturato e delicatamente splendente riflette la luce diurna, conferendo leggerezza all'edificio.
Qualcosa di più significherebbe meno in questo caso: le steli di comunicazione indipendenti in acciaio inox spazzolato lasciano intatto il delicato involucro dell'edificio. Il loro linguaggio formale essenziale conserva la particolare identità della facciata.
Stele di comunicazione della linea di design Siedle Steel, con telecamera, porter, serratura a codice digitale, tasto di chiamata e seconda tasto di chiamata per persone su sedia a rotelle ad un'adeguata altezza di montaggio.
L'idea di base del progetto era creare una vista sui tetti liberamente accessibile come nuovo spazio urbano di fruizione pubblica. Lo studio Snøhetta si è quindi imposto in un panorama della concorrenza che ha incluso oltre 200 altri partecipanti.

Per la realizzazione, Snøhetta ha collaborato con svariati artisti. Le superfici del complesso architettonico sono state realizzate da Kristian Blystad, Kalle Grude e Jorunn Sannes con un gioco di piani lisci, ruvidi e strutturati. Il danese Olafur Eliasson ha progettato box luminosi per il foyer, pure liberalmente accessibile al pubblico.
L'acciaio inox massiccio della comunicazione integrale negli edifici contrappone all'architettura la sua necessaria presenza, tuttavia senza dominarla nella sua varietà.

Impianto di comunicazione della linea di design Siedle Steel con spot LED, porter, tasto di chiamata e un secondo tasto di chiamata ad un'altezza idonea per persone su sedia a rotelle.
Tutti gli impianti della linea di design Siedle Steel sono progettati da Siedle come pezzi unici configurati individualmente. Possono essere così adattati in modo personalizzato a specifiche situazioni architettoniche e a determinati requisiti di funzionalità.

Nell'Opera di Oslo tali requisiti ed esigenze hanno incluso soprattutto la realizzazione senza barriere della comunicazione integrale negli edifici e l'integrazione del controllo d'accesso di un altro fornitore.
Accesso senza barriere: il tasto per persone su sedia a rotelle consente un utilizzo anche dalla posizione seduta grazie al suo particolare posizionamento. La pressione del tasto attiva l'apriporta automatico, che abilita poi automaticamente l'accesso all'edificio.
© 2017 S. Siedle & Söhne OHG
Stampa
TOP